Aug 052012
 

 Commentando l’attacco criminale ai soldati egiziani nel Sinai del pomeriggio del 5 agosto 2012, il Fronte Popolare di Liberazione della Palestina insieme al suo braccio armato, le Brigate Abu Ali Mustafa ha espresso la sua più forte condanna verso questo orrendo crimine, che ha ucciso almeno 13 soldati e ne feriti numerosi altri. Il Fronte ha sottolienato che il sangue arabo egizioano è prezioso e che il popolo palestinese non dimenticherà mai le migliaia di martiri egiziani che hanno dato la loro vita per la causa araba e per la liberazione della Palestina e il loro sangue si è mescolato a quello dei martiri del popolo palestinese.

Il Fronte ha sottolineato che questa azione è inaccettabile per tutti i palestinesi e tutte le forze palestinesi, esortando tutte le parti all’accuratezza nel riportare tutti i dettagli di questa operazione criminale, dato che il popolo palestinese e la sua lotta non saranno mai coinvolti in tali azioni. Il Fronte ha anche avvertito che l’unico beneficiario di una tale azione è lo Stato di Israele e i suoi piani per l’egemonia e il controllo del Sinai, di tutta la Palestina e del mondo arabo, e che lo stato sionista ha tra i principali obiettivi quello di minare tutte le relazioni- che sono relazioni notevolmente migliorate- tra la Repubblica araba di Egitto e il popolo palestinese, e logorare i profondi legami tra gli egiziani e il popolo palestinese. Il Fronte ha espresso le sue condoglianze alle famiglie dei martiri, al popolo egiziano e alla sua leadership, e all’intera nazione araba per la perdita di questi martiri del popolo egiziano.

Sorry, the comment form is closed at this time.